acque sotterranee: materie prime nascoste

Laghi e corsi d’acqua sotto i nostri piedi

In Svizzera l’acqua potabile proviene per l’80% dalle acque sotterranee, comprese le acque di sorgente. Le acque sotterranee, o falde acquifere, sono un tesoro nascosto originatosi dopo le ultime glaciazioni. A quei tempi i fiumi riempivano ampie aree con sabbia e ghiaia, creando così la base per l’infiltrazione di acqua piovana e di acque superficiali. Se l’acqua raggiunge uno strato impermeabile, come la roccia o l’argilla, viene sbarrata, andando a formare grandi laghi sotterranei e corsi d’acqua. Contemporaneamente, per azione del lento movimento nel sottosuolo, l’acqua viene filtrata e purificata.

Lungo i grandi fiumi dell’Altopiano svizzero ci sono risorse idriche sotterranee particolarmente abbondanti, che di solito sono ben protette. L’Altopiano è però anche la regione svizzera più densamente popolata ed è quindi difficile evitare conflitti d’interesse.

La formazione e l’utilizzo delle acque sotterranee

    

l’app Acque sotterranee

L’app Acque sotterranee è una presentazione delle acque sotterranee avente carattere di divulgazione scientifica. In modalità interattiva e giocosa consente di esplorare su un tablet le interazioni esistenti tra corsi d’acqua e acque sotterranee. Modificando diversi parametri, tra cui utilizzo del suolo, clima o corso del fiume, gli utenti possono osservare gli effetti che tali modifiche hanno sul livello delle acque sotterranee.

Apple Store

Google Play Store

Desktop-Version d'app Acque sotterrane

Il percorso di una goccia di acqua nel terreno

Falda acquifera porosa

Tra i granelli di sabbia e i detriti ghiaiosi esistono molti pori, attraverso i quali l’acqua scorre e può essere immagazzinata. I depositi maggiori sono presenti soprattutto nelle grandi valli fluviali dell’Altopiano svizzero, nella Valle del Reno e nella Valle del Rodano.

Falda acquifera fessurata

Con la pressione dovuta alla formazione delle Alpi, nelle rocce e negli ammassi rocciosi si crearono crepe di varie dimensioni, da piccole a grosse. Attraverso queste fessure, l’acqua può penetrare nella montagna e infiltrarsi in profondità. Troviamo falde acquifere fessurate nella regione alpina.

Falda acquifera carsificata

L’acqua scioglie l’anidride carbonica presente nell’atmosfera, formando acido carbonico, che può sciogliere le rocce calcaree. In superficie questo fenomeno ha generato forme bizzarre, mentre nel sottosuolo ha scavato un sistema di grotte incredibilmente ramificato. Sono le cosiddette formazioni carsiche, che troviamo nel Giura e nelle Prealpi. 

Il monitoraggio delle acque sotterranee

Acque sotto controllo per proteggerle al meglio

Nelle oltre 600 stazioni di misurazione dislocate sul territorio svizzero, l’Osservazione nazionale delle acque sotterranee NAQUA rileva lo sviluppo quantitativo e qualitativo delle risorse idriche sotterranee, monitorando lo stato naturale e l’influenza esercitata dalle attività umane.

Il monitoraggio delle acque sotterranee si prefigge da un lato di caratterizzare le principali risorse idriche sotterranee in Svizzera e dall’altro di individuare tempestivamente la presenza di sostanze problematiche e il verificarsi di sviluppi indesiderati, nonché di controllare l’efficacia delle misure di protezione già attuate. NAQUA costituisce la base di partenza per la salvaguardia della risorsa naturale acque sotterranee coordinata a livello nazionale. 

La legislazione sulla protezione delle acque sotterranee

La Legge sulla protezione delle acque contro la Legge sulle derrate alimentari

La qualità delle acque sotterranee in Svizzera è definita sia dalla Legge sulla protezione delle acque sia da quella sulle derrate alimentari.

La Legge sulla protezione delle acque si concentra sulla prevenzione, la protezione dell’ambiente e gli aspetti ecotossicologici. Anche una minima presenza di sostanze inquinanti può avere un impatto negativo sull’ambiente e sugli organismi che lo popolano. I valori di tolleranza sono quindi molto bassi.

Nella Legge sulle derrate alimentari, la quantità massima di sostanze estranee è invece definita sulla base di dati tossicologici riferiti agli esseri umani. Il livello delle sostanze estranee permesse è quindi più alto. Per questo motivo, se allo stato attuale delle ricerche non risultano nocive per gli esseri umani, ne sono tollerate quantità maggiori.

Questa discrepanza può portare a differenze significative nella valutazione delle zone di protezione. Mentre l’agricoltura si basa su limiti più alti, a fini preventivi la SSIGA si auspica che anche la Legge sulle derrate alimentari adotti i limiti più bassi stabiliti dalla Legge sulla protezione delle acque. L’acqua potabile deve essere meno inquinata possibile. Questo non porta vantaggi solo all’ambiente, ma anche agli utenti dell’acqua potabile, garantendo loro un prodotto sicuro e meno contaminato possibile da sostanze estranee. 

Strategia di prevenzione

Dal punto di vista della prevenzione e dell’ecologia, è urgente adottare per la risorsa naturale valori minimi più severi rispetto a quelli stabiliti per le derrate alimentari. 

2015 SVGW | Created by medialink | Performed by iteam